Crea sito







Plesiosauro

Il plesiosauro è vissuto 150.000.000 di anni fa, nell' era mesozoica. Forse è uno dei più famosi dinosauri dopo le storie e le foto di Nessie, il mostro di Loch Ness, in quanto è uno dei più serri candidati a rappresentarlo.
Era caratterizzato da un corpo fusiforme, quattro arti a remo, coda corta, collo lungo e testa piccola, munita di numerosi e affilati denti aghiformi.
I Plesiosauri erano abili nuotatori capaci di immergersi a grandi profondità, si nutrivano prevalentemente di cefalopodi e questa conferma è avvenuta dopo il ritrovamento di un gran numero di piccoli becchi chitinosi provenienti dai loro tentacoli, ritrovati nello stomaco di questi rettili. Il nuoto, simile ad un volo subacqueo, era prodotto dal battito delle pinne usate come ali, come fanno oggi i pinguini. Il loro movimento risultava efficiente solo se accompagnato da un movimento del corpo, alternato in su e giù, analogo a quello dei delfini.



L'organizzazione delle ossa delle pinne mostra che l'animale poteva muoverle molto velocemente, il che gli garantiva ampia manovrabilità di contro a una scarsa potenza del nuoto.
Questo animale era lungo in media dai tre ai cinque metri.
In genere nuotava in superficie in attesa dei pesci e molluschi di cui si nutriva. Quando vedeva una preda la catturava con un rapido balzo.



Il termine plesiosauro deriva dal greco "plesios" = vicino a, e "sauros" = lucertola. Allo scienziato che lo descrisse scientificamente, William Conybeare, è stata attribuita la seguente frase che ritrae il plesiosauro: "Un serpente passato attraverso il corpo di una tartaruga".
Il muso del plesiosauro è corto, ma la bocca era in grado di aprirsi moltissimo, e le mascelle erano dotate di denti conici posti in cavità, in un modo molto simile a quello dell'odierno gaviale. Il collo, seppur lungo e sottile, sembra essere stato piuttosto rigido, poiché le vertebre sono quasi piatte alle estremità: ciò indicherebbe che il plesiosauro non poteva tenere il collo in una posizione "da cigno", come ritratto in molte vecchie illustrazioni. La coda è corta e diritta, particolarmente affusolata. Le zampe sono vere e proprie natatoie allungate, ciascuna dotata di cinque dita ma con moltissime falangi addizionali. Alcune tracce di pelle rivelano che il plesiosauro non era dotato di squame, ma presentava una superficie liscia.



Il plesiosauro era un animale esclusivamente marino e doveva essere uno dei più pericolosi predatori del suo tempo, anche se non era certo il più grande. Altri plesiosauri e alcuni primitivi pliosauri lo superavano in dimensioni; alcuni grandi squali, inoltre, potevano predarlo.